la dottoressa Lafasciano svolge attività di psicologo a bari

Studio di Psicologia dott.ssa Francesca Lafasciano

Opening Hours : Lun-Ven / 14,30-19,30 (su appuntamento)
  Contact : 349 64 48 816

La danza dell’Anima

Apro il portale di Google oggi 11 maggio 2011…c’era una immagine bellissima…una danza che prendeva che dava vita a tutte l elettere di google…e poi una nota che parlava dell’anniversario di una grande danzatrice. Inizio a cercare informazioni e trovo un sito bellissimo. Il link è : http://danzaterapia-rossana.blogspot.com/
Condivido con voi parole che rappresentano una poesia per l’anima…almeno per la mia e ringrazio persone come Rossana, perchè è ANIMA mentre è DANZA.

” La danza si rivolge alla parte ancora sana della natura umana,presente in ogni essere,per quanto malato e confuso sia “.
Trudi Schoop .

Arte e guarigione si intrecciano già nel mondo antico. La funzione comunicativa, catartica, liberatoria…della danza, è radicata nella storia dell’ uomo quanto la sua stessa esistenza.

“La danza è la madre delle arti . Vive ugualmente nel tempo e nello spazio. In essa creatore e creazione,opera e artista,fanno un tutt’uno. Movimento ritmico in una successione spazio -temporale,senso plastico dello spazio,viva rappresentazione di una realtà visiva e fantastica.Danzando, l’uomo ricrea queste cose con il suo stesso corpo,ancora prima di affidare alla materia, alla parola,il risultato della sua esperienza. Nella danza i confini tra corpo e anima,tra espressione libera dei sentimenti finalità utilitaria,tra socialità e individualismo, tra gioco, culto, lotta e rappresentazione scenica,tutti i confini che l’umanità ha costruito nel corso della sua evoluzione,si annullano.
Tutto è presente nella danza : il corpo,che nell’estasi viene trasceso e dimenticato per diventare ricettacolo della sovrumana potenza dell’anima ; l’anima che trova una felicità e una gioia divina dall’accresciuto movimento del corpo liberato d’ogni peso ; il bisogno di danzare, perché una prorompente gioia di vivere strappa le membra al loro torpore ; il desiderio di danzare, perché chi danza acquista un potere magico che elargisce vittoria,salute,vita. ; un legame mistico,che nella danza unisce la tribù tutta,e il libero manifestarsi della propia individualità,in una completa aderenza al propio io. Nessuna arte ha confini così ampi .
Nella danza forze represse erompono alla ricerca di una libera estrinsecazione,e un intimo ritmo le ordina in una viva armonia che al tempo stesso acquieta e annulla la volontà. Liberato dalla volontà,chi danza si abbandona alla beatitudine di un gioco consacrato,all’ebrezza che lo allontana dalla monotonia della vita di ogni giorno,dalla realtà tangibile e dalla prosaica esperienza quotidiana e giunge là dove immaginazione fantasia e sogno si destano e diventano forze creative .
Nell’estasi della danza l’uomo è partecipe dell’aldilà,del mondo dei demoni,dello spirito e di Dio. Invasato e rapito nell’estasi ,egli rompe i ceppi terreni e si sente pervadere dal soffio dell’universo…

Data la profonda e larga sfera di azione della danza,nulla possiede uguale valore nella vita e nelle civiltà primitive…non è un peccato condannato dai sacerdoti : è un atto sacro ed un ufficio sacerdotale ;non un passatempo : è anzi un’importante e seria attività in cui è impegnata tutta la tribù .Non esiste avvenimento nella vita dei popoli primitivi che non sia consacrato dalla danza .Nascita,circoncisione,iniziazione delle fanciulle,nozze e morte,seminagione e raccolto,onoranze ai capi,caccia,guerra e banchetti,lunazioni e infermità : per ogni cosa è necessaria la danza . E non si tratta di spettacolo e di festa secondo la nostra odierna concezione …La danza , nella sua essenza,altro non è che la vita innalzata a un grado più elevato e intenso …ma quando nelle civiltà superiori essa diviene arte nel senso più stretto del termine,allorchè diviene oggetto di spettacolo e la sua influenza è diretta agli uomini e non più ai demoni,il suo universale potere si spezza,si frantuma…ma ciascuna civiltà racchiude ancora in sè ,come germe spirituale,la nozione sublime che ” danza ” è ogni movimento soprannaturale e sovrumano .

( Curt Sachs da ” Storia della danza. ed. il Saggiatore ).

Fonte: http://danzaterapia-rossana.blogspot.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *