la dottoressa Lafasciano svolge attività di psicologo a bari

Studio di Psicologia dott.ssa Francesca Lafasciano

Opening Hours : Lun-Ven / 14,30-19,30 (su appuntamento)
  Contact : 349 64 48 816

Canzoncine di appartenenza

Una mia collega la canticchiava, fa l’insegnante di scuola elementare, una maestra vera, di quelle dolci, potenzianti e creative. Si chiama Rachele. E lei mi racconta un giochino cantato che fa fare ai suoi bambini.

I bambini cantano questa canzoncina dal titolo “LA STORIA DEL SERPENTE”:

” Questa è la storia del serpente

che viene giù dai monti

per ritrovare la sua coda che si è persa un dì.

Ma dimmi un po’ ? Sei proprio tu
quel pezzettin del mio codin?
Sì o no?”

ed ogni bambino risponde: “siiiii”…E nel mentre cantano, ad ogni strofa ogni bambino si aggiunge ad un altro bambino come a creare, alungo andare della canzone, una sorta di trenino. Il trenino metaforicamente rappresenta un serpentello. Un serpente che si è disgergato e grazie ai bambini si riforma.

Riflettevo sul senso che ha questo GIOCO…ogni “pezzettino” della storia che raccontano  corrisponde ad un bambino, ogni bambino ha il suo ruolo, il suo spazio, il suo tempo per insierisi in questo gruppo. E’ un gioco sull’appartenenza, sul senso di UNICITA’ che è importante che i bambini provino e sperimentino…ad ognuno viene dato il diritto di sentirsi parte di un tutto. Una parte importante. E’ solo un gioco, intriso di una semplice unione che viene garantita loro. Di questo senso di appartenenza ne fanno esperienza. L’esperienza si fissa attraverso le emozioni che provano. Del  “far parte” faranno tesoro e, da adulti, sapranno far parte di un gruppo perchè la loro mente emozionale e inconscia tratterrà con forza ciò che li ha fatti sentire bene!!!

Ancora una volta il mio è un invito…a giocare CON ed a far giocare i propri bambini anche con canzoni semplici, perchè un gioco non è mai solo un gioco…è esperienza tangibile che si àncora alla loro vita.

2 Comments
  1. mimma

    Sono un’insegnante di Musica e Musicoterapeuta. Lavoro molto con ogni tipologia di bambino, dall’età di tre anni fino ai 18 e anche oltre. condivido pienamente quello che la dott.ssa Lafasciano scrive circa i bambini e la loro unicità. mi permtetto di aggiungere che la MUSICA a volte opera miracoli, là dove la parola o il gesto non arrivano. Giocate con i vostri bambini, ma soprattutto lasciate che venga fuori la loro musicalità! Un abbraccio musicale a tutti, Mimma.

  2. francesca

    Mimma, grazie per il tuo commento prezioso. sono davvero in accordo con te…e i bambini con gli strumenti giusti e buoni maestri …fanno i veri miracoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *