la dottoressa Lafasciano svolge attività di psicologo a bari

Studio di Psicologia dott.ssa Francesca Lafasciano

Opening Hours : Lun-Ven / 14,30-19,30 (su appuntamento)
  Contact : 349 64 48 816

Pet Therapy con cani e gatti

Come professionista e come persona curiosa ho sentito diversi colleghi trattare patologie attraverso la pet therapy. Ero desiderosa di dare il mio contributo sulla diffusione di quete modalità terapeutiche ed ho cercato in rete degli articoli. Di seguito un articolo interessantissimo.

“Lo speciale rapporto che lega uomo e cane nasce molto tempo fa, addirittura nel paleolitico, epoca in cui, secondo alcune tracce archeologiche, i due esseri già convivevano sotto lo stesso tetto (se di tetto si può parlare!). Ma ci vollero ancora moltissimi anni prima che un neuropsichiatra statunitense si accorgesse dello straordinario potenziale dell’amico canide, soprattutto in relazione al mondo della medicina. Nel 1953 Boris Levinson notò una cosa molto particolare: uno dei suoi assistiti, un bambino affetto da problemi di autismo, aveva imparato a chiamare il suo cane

e a relazionarsi con lui. Era nata la pet therapy.

Curioso come questa denominazione, che si serve di due nomi inglesi (pet = animale, therapy = terapia) sia adottata quasi esclusivamente in paesi non anglofoni, come l’Italia. Negli Stati Uniti e in Inghilterra si parla invece di “animai therapy“. La pet therapy, dunque, altro non è che l’uso di un animale da compagnia, adeguatamente addestrato e coadiuvato da un’equipe medica, per superare stati di ansia, mancanza di affetto, stress e depressione, oltre a vari handicap fisici.

Occorre però distinguere due tipi di attività: Le AAA (Animai Assisted Activities) sono dirette perlopiù a portatori di handicap e non vedenti, che sono accompagnati da animali addestrati nella vita di tutti i giorni. Per particolari patologie che colpiscono gli anziani, invece, gli incontri tra paziente e animale sono controllati secondo un calendario clinico ed avvengono in strutture specializzate. Le AAT (Animai Assisted Therapies), sono delle cure vere e proprie destinate a migliorare la salute del paziente, spesso colpito da problemi cognitivi, psicologici, sociali e comportamentali.

Sono affiancate a cure più propriamente mediche e farmacologiche, ma, per la loro particolare natura, riescono a dare risultati altrimenti non raggiungibili. In questi casi è d’obbligo l’assistenza ed il monitoraggio del paziente da parte di un professionista medico che ne documenti i progressi. Gli animali coinvolti nella pet therapy vengono spesso chiamati “pet partner“, proprio per sottolinearne l’importanza all’interno del complesso quadro che porta alla guarigione o al miglioramento delle condizioni di vita del paziente.”

(Fonte: www.medicinalive.com. Link diretto all’articolo: http://www.medicinalive.com/psicologia-e-medicina-della-mente/psicologia/pet-therapy-con-cani-gatti-roditori-e-pesci/ )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *